utenti ip tracking

Benvenuti nel sito dell'Associazione Pietra su Pietra

ASSOCIAZIONE PIETRA SU PIETRA  - ONLUS - FRASSINETTO

- ATTIVITA' FORMATIVE

Comunica il 2° incontro dei cicli di seminari

“UNA COMUNITA’ ALLA RISCOPERTA DELLE RISORSE

UMANE E NATURALI”

ARCHITETTURA SPONTANEA

 

A FRASSINETTO il 24 SETTEMBRE 2022

- sala conferenze del Comune  - 9,30/13,30

......    ......     .......   ......    .......    .......

L’evento si suddivide in due parti:                                                                 

- prima parte lezione in aula

-  seconda parte visita guidata al centro storico Frassinettese (lezione esterna sul territorio).

Obiettivi formativi: Conoscenza delle dimore tipiche di montagna, acquisizione di competenze e capacità osservative del paesaggio culturale.

Programma

•         ARCHITETTURA POPOLARE

Il recupero dell’identità storica, un modello per il restauro architettonico

•         LA COMPETENZA DELL’EDIFICARE

Frutto del tramandarsi generazionale, ancora presente nell’abitato frassinettese

•         INTERROMPERE IL DEGRADO DI UNA BAITA RIADATTANDOLA  ALLA CONTEMPORANEITA’

•         RIADATTARE UN RUSTICO IN UN AREA MONUMENTALE E TECNOLOGICA

•         VISITA GUIDATA PER IL CENTRO STORICO

-          A cura delle GUIDE - ASSOCIAZIONE PIETRA SU PIETRA - ONLUS

Gli incontri sono organizzati in collaborazione con l’Ordine degli Architetti di Torino

Per i professionisti interessati sono riconosciuti i crediti formativi professionali. 

Per prenotazioni ed informazioni: e-mail: info@pietrasupietra.eu


 FESTA DELL'ASSOCIAZIONE Giovedì 18 agosto 2022 al BERCHIOTTO SANTA MESSA ore 15,00 


 

UNA COMUNITA’ ALLA RISCOPERTA

DELLE RISORSE NATURALI E UMANE

Seminario a Frassinetto

 Città Metropolitana di Torino

sabato 23 luglio 2022

orario mattino  9,30 - 13,00 - pomeriggio    15,00 - 18,00

Riconoscimento n°6 CFP dall'ORDINE ARCHITETTI PPC TORINO

Obiettivi formativi: Conoscenza dell’architettura montana, acquisizione di competenze sul recupero edilizio e capacità osservative del paesaggio culturale 

...   ...   ...

  • Esempio di recupero montano con struttura portante in legno nel Parco del Gran Paradiso

- Maestro d’Arte  Paolo Bottino - Natural House srl - Castellamonte (To)

 

  • Presentazione - TESI di Laurea sostenute al Politecnico di Torino
  • Re-Hab. La Montagna Riabilitativa. Scenari di recupero per la borgata Querio

-Autori:
 Alessia Craveri (architetto e borsista di ricerca, Politecnico di Torino)
 Cristian Dallere (architetto e dottorando, Politecnico di Torino, Istituto di Architettura Montana).

  • Architettura delle costruzioni in legno. Criticità e potenzialità di nuovi sistemi e componenti edilizi in una fase di sperimentazione in ambito internazionale.

-Autrici: Camilla Bottero; Giulia Marchiano.

  • Mitigazione e adattamento nelle città medie europee

Analisi delle azioni intraprese in dieci città a contrasto dei cambiamenti climatici per un inquadramento delle potenzialità d’intervento a livello nazionale in ambito della pianificazione e progettazione sostenibile.

-Autore: Tiziano Uriel Monteu Cotto.

 

  • Lo sviluppo delle filiere locali nell’epoca della transizione ecologica

-Architetto Gianbattista Pomatto - Ordine Architetti di Torino


Passeggiata tra i borghi alla scoperta delle erbe dimenticate

a cura di Giancarlo Obetti

..............

Domenica 5 giugno 2022 l’Associazione “Pietra su Pietra - onlus” ha voluto aggiungere un piccolo, ma interessante tassello al processo di ricostruzione e recupero dei valori, assopiti nel tempo, che rivestivano grande importanza nel passato.

Questa volta parliamo di cibo. Quando c’erano tante bocche da sfamare e le risorse scarse, si doveva fare di necessità virtù. La gente delle nostre borgate aveva imparato a guardarsi attorno e a usufruire di quel che aveva facilmente a disposizione. Se l’erba dei prati permetteva con il pascolo di avere a disposizione latte e formaggio, perché non tentare con le dovute selezioni. di farne un uso anche per gli umani? La necessità aguzza l’ingegno e, col tempo gli abitanti di questi piccoli borghi hanno imparato ad alimentarsi con erbe particolari che anche noi, conoscendole, possiamo apprezzare.

Un gruppetto di appassionati, lungo il sentiero che attraversa le borgate Bettassa e Albaretto ha seguito le spiegazioni degli accompagnatori espertissimi i, imparando a riconoscere un gran numero di erbe, il loro nome, le caratteristiche e l’utilizzo che se ne può fare in cucina. Dalle più note come il timo serpillo profumatissimo, il tarassaco, l’ortica, la malva, la piantaggine, la primula, la violetta, la fragolina di bosco alle più particolari: la bistorta, il piattello, la silene bubbolina, la pimpinella, la parietaria, la ventaglina, la canapetta e molte altre ancora, fino alla regina, preziosa e ricercata: l’ajucca che risalta nel prato con la sua brillante infiorescenza blu, cucinata, con la gustosa toma locale, in una squisita zuppa.

Le erbe spontanee sono, in linea di massima, adatte per preparare ottime e profumate minestre a cui conferiscono fragranze particolari e una notevole cremosità.   Se, come si diceva un tempo: ”Tuti  J’erbi che fan testa a sen buni da minestra!”, esse si possono utilizzare anche per altre preparazioni culinarie, semplicio più raffinate, appetitose e piene di fascino, capaci di suscitare curiosità e interesse alla scoperta di gusti nuovi, che ci riportano idealmente ad un mondo semplice e idilliaco, pur essendo consci, ad onor del vero, che essi ci devono ricordare la vita dura e faticosa della gente di montagna.

I nostri bravi accompagnatori, oltre ad illustrare la morfologia delle varie erbe ci hanno anche illustrato il modo di cucinarle. Se per le minestre si prevede la cottura in acqua di un miscuglio di erbe e per le frittate l’abbinamento con le uova, alcune possono essere, quando ancora tenere in primavera, unire a saporite insalate comuni, mentre altre possono essere preparate singolarmente per piatti specifici. Con il timo serpillo si fa un profumatissimo burro aromatico, da consumare su crostini e abbinare ai salumi; la pimpinella può profumare il ripieno di uova sode; piattello e canapetta, lessate e saltate in padella col burro, diventano un ottimo contorno per la carne; con la silene si prepara il risotto, oppure, appena scottata,  si unisce alle uova strapazzate o si condisce con la salsa di uova sode, olio e aceto; con la parietaria si prepara una delicata vellutata con l’aggiunta di patate e cipolla; la bistorta, accompagnata da abbondante toma locale diventa il condimento per la pasta.

Se questo scritto ha destato curiosità, interesse e voglia di provare a gustare sapori dimenticati, è giusto ricordare che le erbe spontanee sono un grande patrimonio culturale, dimenticato, ma il loro uso deve essere accompagnato da una conoscenza approfondita e attenta. Per questo, l’associazione “Pietra su Pietra - onlus” si ripropone, per l’anno prossimo di sviluppare e consolidare questa iniziativa che ha rivestito, quest’anno carattere di esperimento. E’ stato anche un modo per dare un segno di vita alle nostre borgate e un momento di piacevole condivisione conclusasi in casa di Daniele, con un simpatico, ma soprattutto ottimo spuntino preparato egregiamente dalla signora Zouini Awatif. 


A TUTTI I SOCI DELL’ASSOCIAZIONE PIETRA SU PIETRA - ONLUS

Berchiotto 24-05-2022

Oggetto: Convocazione Assemblea dei Soci

E’ CONVOCATA L’ASSEMBLEA ORDINARIA DEI SOCI

                                                                      Ai sensi dell’art. 15 dello statuto

- In prima  convocazione  Venerdì 03 giugno 2022 alle ore 24,00 presso la Borgata Fraschietto - Frassinetto (To);

- In seconda convocazione Sabato 04 giugno 2022 alle ore 10,00 presso la Borgata Fraschietto - Frassinetto (To);

Con il seguente Ordine del Giorno:

  1. Presentazione ed approvazione del BILANCIO PREVENTIVO
  2. anno 2022;
  3. Relazione sulle Attività in corso;
  4. Varie ed eventuali.

. E’ AMMESSO IL VOTO PER DELEGA – MA UN DELEGATO NON PUO’ RICEVERE PIU’ DI DUE DELEGHE

                                                                                                                         Presidente  -Pietro Battista Monteu Cotto


PASSEGGIATA TRA LE ERBE

con esperti raccoglitori

DOMENICA 5 GIUGNO 2022 ore 15

presso la Borgata BETTASSA (Ingria)

per informazioni e prenotazioni - Daniele 370 345 9357


COMITATO PER L’OSSERVATORIO DEL PAESAGGIO CULTURALE

Costituito dall'Assemblea dei Soci - anno 2020

Aderiscono al Comitato:

L’Associazione Pietra su Pietra - onlus, la Consulta delle Società di Mutuo Soccorso del Canavese, L’Associazione di studi e ricerche francoprovenzali EFFEPI, Professionisti che hanno collaborato con i corsi formativi di Educazione Ambientale.

................................................

Riunione del Comitato per l’osservatorio del Paesaggio Culturale

(Da IL RISVEGLIO POPOLARE del 21 aprile 2022)

INGRIA – Si è tenuta ad Ingria lo scorso sabato 9 aprile l’ultima riunione del “Comitato per l’Osservazione del Paesaggio Culturale”, recentemente costituitosi in collaborazione tra l’associazione “Pietra su Pietra”, la Consulta delle Società di Mutuo Soccorso del Canavese e l’associazione di studi e di ricerche Francoprovenzali “Effepi”.                                                                                               Un Comitato, come ha spiegato aprendo i lavori il presidente dell’associazione frassinettese “Pietra su Pietra” Pietro Monteu Cotto, nato per “informare e formare” sui temi che riguardano l’ambiente ed il territorio valligiano, ricordando che nella precedente riunione si era parlato della frana che incombe tra le borgate Bausano e Configliè di Pont Canavese, per bypassare la quale circa 20 anni fa si era costruita una galleria sulla provinciale della Val Soana.                                                                                                                   “Vedendo gli atti del Piano regolatore di Pont si è presentata un’osservazione sulla frana a monte della borgata Bausano – ha ricordato a tale proposito l’architetto Arturo Bracco, esperto in pianificazione territoriale ed urbanistica – Si tratta di un problema serio, di una frana profonda oltre 50 metri, ma al momento non abbiamo ancora avuto alcuna risposta. Tra l’altro il Comune di Pont deve ancora completare l’adeguamento del suo Piano regolatore in base a quanto previsto dal PAI (Piano di Assetto Idrogeologico), approvato oltre vent’anni fa dopo l’alluvione del duemila”.                                                                                                                                        Nell’ultimo incontro, invece, a farla da padrone è stata la discussione sul progetto, è bene sottolineare al momento ancora del tutto ipotetico, della costruzione di una nuova e grande diga sul torrente Soana proprio a valle di Ingria, ma anche di altre problematiche che si trovano ad affrontare coloro che ancora vivono nelle medie ed alte valli canavesane: “Vivere in montagna non è solo la possibilità di poter “cliccare” su un pc – ha sottolineato Pietro Monteu Cotto – ma presenta una serie di problemi concreti da affrontare ogni giorno, quali scuole, negozi, servizi che mancano”.                                                                                                                                                 La presidente dell’associazione “Effepi”, Ornella De Paoli, ha invece posto l’attenzione su due aspetti: la sempre maggiore devastazione del residuo paesaggio agricolo alpino causata dalla proliferazione dei cinghiali, ma anche dalle problematiche connesse alla pratica del pascolo brado ed incontrollato dei bovini, elementi che, assommati, hanno cancellato secoli di lavoro di intere generazioni di montanari.  Altro problema sollevato dalla De Paoli è poi stato quello della progressiva scomparsa di sempre più numerosi elementi peculiari dell’architettura locale alpina, dovuti sia all’abbandono di intere borgate che ad alcune “ristrutturazioni”, le quali hanno sovente stravolto e cancellato il paesaggio abitativo preesistente.                                                                                                                              All’incontro di Ingria era presente anche il geologo Paolo Quagliolo, il quale ha sottolineato che le amministrazioni comunali non possono continuare a procrastinare l’adeguamento degli strumenti urbanistici, ed ha evidenziato che il pascolo brado dei bovini, pratica sempre più diffusa anche sulle nostre montagne, rovina la cotica erbosa con le relative conseguenze in caso di piogge intense e prolungate.        Riguardo alla ipotetica diga sul torrente Soana, tutti i tecnici presenti alla riunione dell’Osservatorio hanno concordato che al momento, mancando un vero e proprio progetto ma con solo disponibile uno studio di prefattibilità piuttosto scarno, non si possono esprimere opinioni fondate in merito, anche se la prima cosa che andrà verificata sono i vincoli ambientali e idrogeologici presenti nell’area eventualmente interessata dalla costruzione dell’invaso.                                                                                                                            La riunione si è poi chiusa con l’impegno a chiedere a breve un incontro da parte dei componenti dell’Osservatorio del paesaggio con il presidente dell’Unione Montana Valli Orco e Soana, e sindaco di Frassinetto, Marco Bonatto Marchello, possibilmente anche alla presenza  del tecnico incaricato del primo studio sulla sua possibile realizzazione.                                                                                                                      Marino Pasqualone

 


lavori in corso

AIUTO FORMATIVO ALLA SCUOLA PRIMARIA COMUNALE DI FRASSINETTO E PARENTALE

L'Associazione sta svolgendo lezioni di sostegno ai ragazzi della famiglia residente nella borgata Bettassa con il Maestro Giancarlo Obetti,            inoltre collabora con la scuola primaria comunale per le seguenti attività didattiche: - scrittura in francoprovenzale per il  39° concorso EFFEPI sulla cultura locale - supporto alle lingua Inglese.

- dal 16 febbraio al 25 maggio ogni mercoledi -


Rinnovo del Consiglio di Amministazione

L'Assemblea dei Soci riunitasi il giorno 22 gennaio 2022 ha rinnovato il Consiglio di Amministrazione per il triennio 2022 / 2025, riconfermando i Soci: Gloria Trione, Attilio Stefano Guaitoli e Pietro Battista Monteu Cotto.


 

I NOMI DEI POSTI

SULLE PIETRE DELLE BORGATE

Nel 2019 l’Associazione “Pietra su pietra-ONLUS” dopo un lungo lavoro di ricerca ha inaugurato con la partecipazione della Scuola Primaria Comunale di Frassinetto la « Vì dle parole » dalla borgata Tetti alla borgata Balma e sarà a breve completata fino alla borgata Berchiotto.

Il nuovo Progetto « Come le foglie » da noi ideato, finanziato e realizzato, consiste nel fissare sostantivi e toponimi in frassinettese su delle sottili lamine di metallo, che vengono posizionate su edifici, centri di interesse e nelle località indicate dagli stessi per assicurare nel tempo la conservazione di determinati toponimi tramandati di generazione in generazione, per evitare che l’ambiente che ci circonda diventi anonimo.

Le foglie di metallo sottile stanno a simboleggiare le fragili foglie che vivono solo un anno, germogliano, crescono, poi cadono, seccano, spariscono , come ogni essere vivente .

Anche la nostra parlata francoprovenzale “a nosta moda” è ormai fragile come le foglie, e destinata nel tempo a sparire.

Se queste foglie ora stampate con la grafia BREL da noi adattata alle particolarità del nostro linguaggio vi faranno pensare, parlare, o semplicemente osservare, il nostro scopo sarà raggiunto.

Le “foglie” sono già state posizionate nelle borgate di Monteu, Querio e Fraschietto. Prossimamente saranno posizionate alla borgata Coletto.

Ringraziamo di cuore gli abitanti delle borgate che con interesse hanno collaborato nel fornire le parole ed i toponimi e con entusiasmo hanno posizionato le “foglie”. 

La nostra intenzione è di continuare in futuro su altre borgate.


LE GUIDE DI PIETRA SU PIETRA ONLUS

in collaborazione con

FRASSINETTO TREKKING LA MASCA

Vi propongono per 

SABATO 14 AGOSTO 2021 VISITA GUIDATA

ALLA SCOPERTA DELLE BORGATE 

DI FRASSINETTO

LUNGO IL PERCORSO DEVOZIONALE TRA NATURA E CULTURA

Ore 9,15 ritrovo presso il bar “La Masca” dove potrete gustare una deliziosa colazione

Ore 10,00 spostamento in auto nel parcheggio sopra la borgata Mulini (fermata bus)

Ore 10,15 visita guidata alle borgate Mulini, Tetti, Balma, Galli, Berchiotto e Fraschietto

Ore 13,00 pausa pranzo in borgata Fraschietto dove Vi attenderà l’appetitoso “pranzo al sacco gourmet” preparato e consegnato sul posto da “La Masca”

 Ore 14,00 sulla via del ritorno lungo il sentiero che collega Fraschietto alle borgate Coletto, Puet, Lupeta, Gorla e Truffa  

Ore 16,30 circa arrivo ai Mulini

Il percorso prevede tratti di strada carrabile e sentieri, pertanto si  consigliano scarpe da trekking e bastoncini.

Euro 20,00 a persona da pagarsi direttamente a Frassinetto Trekking La Masca

PRENOTAZIONI ENTRO il giorno 12 AGOSTO ai seguenti numeri

347 1949356 Aurora   -     335 6041936 Ugo

Vi aspettiamo a Frassinetto Canavese (To)


PASSEGGIATA NEL BORGO ANTICO

visita guidata sabato 17 - 07 - 2021

ritrovo alle ore 9,15 alla Masca - Frassinetto

visita all'antico abitato di Frassinetto, tra Vi Capel, Vi Bourdjal e Tchapinei

per prenotazioni: Aurora 347 1949356 - Ugo 335 6041956


Attività 2021 e Campagna di raccolta fondi

per conservare le opere del passato

L’attività di Pietra su Pietra Onlus CONTINUA, nonostante le inevitabili restrizioni imposte dalla Pandemia da Covid-19.

Anche nel corso del 2021, come già avvenuto nello scorso 2020, l’Associazione si vede costretta a sospendere alcune attività ormai consolidate negli anni, quali l’organizzazione di corsi di formazione, mostre e la festa dell’Associazione, appuntamento ormai fisso al 18 agosto.
Ma nelle trascorse tristi settimane di lockdown, il Consiglio di Amministrazione ed i Soci hanno continuato a lavorare con determinazione al fine di programmare alcune attività fattibili nel pieno rispetto della normativa anti-Covid vigente, nonché al fine di continuare a progettare il recupero di manufatti del territorio frassinetese quali la Casaforte di Carabin ed alcune cappelle votive. Non solo, ma ogni socio ha cercato di sensibilizzare parenti, amici e conoscenti  a destinare il 5 per mille all’Associazione: si tratta di un semplice gesto da compiere nella compilazione della dichiarazione dei redditi, molto importante per permettere la prosecuzione delle attività sul Territorio.
In primis Pietra su Pietra ha lanciato dal mese di aprile al mese di settembre 2021 una raccolta fondi da destinare al “restauro conservativo” che verrà realizzato da professionisti competenti su manufatti già sistemati negli anni scorsi dal punto di vista del consolidamento della struttura muraria e della copertura, ma che per tornare al loro antico splendore necessitano del completamento dell’apparato pittorico.
Si tratta di monumenti storici che molti Frassinettesi d’origine portano nel cuore tra i più sentiti ricordi d’infanzia!
  • La Cappella Votiva adiacente alla strada Molino -  Frassinetto località “Soma”;
  • La Cappella dei morti di Arbauda;
  • La Cappella Votiva della borgata Balma;
  • La Cappella Votiva della borgata Coletto;
  • La Pittura murale della borgata Lassere.

L’Associazione proseguirà il progetto “La Vi d’le Parole” con scritte sulle pietre dalla Balma al Berchiotto e si prodigherà nella conservazione della memoria storica inerente i nomi delle case e dei prati delle borgate Coletto, Fraschietto e Monteu.

Da non dimenticare la ripresa dell’attività da parte delle Guide al Paesaggio ed ai Monumenti di Pietra su Pietra Onlus, le quali programmano per il giorno 14 agosto una piacevole passeggiata lungo il percorso devozionale delle Cappelle di Frassinetto. Partendo da Piazza Galtrucco alle ore 9,30, si raggiungerà la Cappella di Santa Croce a Chiapinetto, poi si visiterà la Cappella dei Tetti, del Coletto, del Berchiotto per poi giungere alla Cappella del Fraschietto.

Purtroppo le disposizioni adottate dalla Diocesi di Ivrea a fronte dell’emergenza sanitaria, comportano che, anche nel corso del 2021, come già avvenuto lo scorso anno, le messe in occasione delle festività dei Santi Patroni non vengano celebrate in ciascuna borgata neppure all’aperto, ma esclusivamente in Parrocchia.

 Con la viva speranza che il prossimo anno si possa tornare a celebrare le Messe presso le Cappelle delle nostre borgate, erette con tanta devozione e fatica dai nostri avi, sabato 14 agosto 2021 unitevi alla Passeggiata lungo il percorso devozionale tra cultura, maestria “del saper fare” ed un rigenerante percorso immerso nella natura!

Le guide di Pietra su Pietra Onlus ricordano che qualora Associazioni o semplici gruppi di amici volessero richiedere una visita guidata sul territorio di Frassinetto, è sempre possibile prendere contatto con l’Associazione mediante i contatti presenti sul sito internet www.pietrasupietra.eu
 

 

Campagna di raccolta fondi 
 
per conservare le opere del passato
 

L’ Associazione lancia una raccolta fondi da destinare al recupero di alcune opere del passato per  il periodo  Aprile/settembre 2021.  In questo caso i fondi saranno destinati al “restauro conservativo” di dipinti e affreschi presenti sul territorio di Frassinetto, i cui proprietari hanno già dato l’autorizzazione a procedere. Tali lavori saranno effettuati da professionisti competenti ad eseguire interventi sui beni culturali. Decreto Legislativo n°42/2004 e ss.mm.ii. “Codice dei Beni Cultuali e del Paesaggio”

Le persone fisiche potranno usufruire  di una detrazione IRPEF del 30%  effettuando un bonifico sul conto intestato all’Associazione Pietra su Pietra: IBAN: IT 50 V 07601 01000 000086974714 causale: erogazione liberale conservazione opere del passato.                                                              

La ricevuta (copia) del bonifico è da allegare  alla documentazione della denuncia dei redditi per ottenere la  detrazione fiscale.

Gli interventi di restauro a cura dell’Associazione sono subordinati dall’autorizzazione dei proprietari e dalla disponibilità di risorse finanziarie da destinarsi a tali lavori.      

L’ Associazione avendo l’autorizzazione dei proprietari è in grado d’intervenire sulle seguenti opere:

Cappelle Votive  

  • Cappella Votiva adiacente alla strada Molino -  Frassinetto località “Soma”;
  • Cappella Votiva della borgata Balma;
  • Cappella Votiva della borgata Coletto;
  • Cappella dei morti di Arbauda;
  • Pittura murale della borgata Lassere.

Sulle  Cappelle votive  sono già stati effettuati  lavori di consolidamento della struttura muraria  e della copertura, ora necessitano fondi per il completamento anche dell’apparato decorativo.

Se vuoi che il nostro percorso devozionale non rimanga solo un ricordo partecipa anche tu, sostieni l’Associazione, se sei  proprietario dai l’autorizzazione per il recupero di altre Cappelle votive e pitture murali.  

 

Berchiotto 30 - 03 - 2021                                                        il Consiglio di Amministrazione


Il nome “Pietra su Pietra” vuole ricordare la costanza e la tenacia della gente di montagna, rispecchiare l’essenzialità ed il pregio delle opere esistenti, indicare un modo di operare per raggiungere alcuni traguardi, tra i quali proprio quello di evitare che molti antichi manufatti ancora presenti sul territorio di Frassinetto vadano dispersi, ripristinandoli, “pietra su pietra”.


DESTINIAMO IL NOSTRO 5 PER MILLE ALL'ASSOCIAZIONE PIETRA SU PIETRA ONLUS.
Il sostegno di tutti è fondamentale, non ostacola o indirizza l’eventuale assegnazione personale dell’8 x 1000 ed è gratuito. Ci auguriamo dunque che vogliate rafforzare l’Associazione, sottoscrivendo in suo favore la devoluzione del 5x1000 delle imposte comunque in ogni caso già pagate. TUTTI possono destinare il loro 5x1000 alla nostra Associazione. Fatevi promotori di questa iniziativa PRESSO AMICI E CONOSCENTI. Per destinare il 5 x 1000 si deve apporre la propria firma nell’apposito spazio all’interno del proprio Modello 730, Unico o CU (exCUD), scrivendo il codice fiscale dell’Associazione: 92514210019 - ASSOCIAZIONE PIETRA SU PIETRA ONLUS - FRASSINETTO (TO).


Non lasciamo morire la nostra lingua, parliamola e scriviamola


I nostri paesi:

.CAPELLI  /  Vi Capel   .BORGIALLO  /  Vi Bourdjal  .CHIAPINETTO  /  Tchapinei   

.MOLINI  /  Mulen   .TETTI  /  Vi Tet   .TRUFFA   /  Trufà    .COLETTO  /  Coulet   

.BERCHIOTTO  /  Bartchot   

.FRASCHIETTO  /  Fastchei   .Monteu  /  Mounteur    .QUERIO  /  Couer


COSTRUIAMO INSIEME UN SOGNO DESTINIAMO IL 5 PER MILLE

ALL'ASSOCIAZIONE "PIETRA SU PIETRA" ONLUS FRASSINETTO - TO

CODICE FISCALE 92514210019

Il 5 x 1000 è una detrazione d'imposta che avviene in ogni caso ed i cittadini  possono anche destinarlo all'Associazione PIETRA SU PIETRA , in quanto ONLUS, ha possibilità di accedere a tali fondi, destiniamoli quindi con una semplice firma.

Per destinare il 5 x 1000 i soci, i loro famigliari ed amici devono apporre la propria firma nell'apposito spazio all'interno del proprio modello 730, Unico o CUD, scrivendo anche il codice fiscale dell'Associazione: n° 92514210019 .

Per conoscere, capire, salvaguardare, recuperare... le meraviglie che i nostri vecchi ci hanno lasciato: i sentieri, le cappelle, le antiche borgate, i caratteristici fabbricati rurali, l'ambiente naturale ancora integro....

Per formare le giovani generazioni... alla conoscenza, al rispetto ed al riutilizzo degli antichi saperi e delle tradizioni....

Per costruire una vita moderna rispettosa dell'ambiente... che, con la cooperazione degli anziani, riannodi i fili con il passato...

Per far conoscere e amare il nostro paese... rendendo possibili visite e attività interessanti e coinvolgenti per tutti...

Per ritrovare l'orgoglio delle nostre origini montane...


Giornata nazionale del Paesaggio 14 marzo 2021

si aggiudica il riconoscimento  “La biodiversità dentro la città - la Valle d’Astino di Bergamo”  

Assegnate inoltre 1 menzione speciale, 9 menzioni e 5 segnalazioni


Istituita, con Decreto ministeriale 7 ottobre 2016 n. 457, con l’obiettivo di “promuovere la cultura del paesaggio in tutte le sue forme e  sensibilizzare i cittadini sui temi ad essa legati, attraverso specifiche attività da compiersi sull’intero territorio nazionale mediante il concorso e la collaborazione delle Amministrazioni e delle Istituzioni, pubbliche e private”.

In questa occasione sarà consegnato il Premio Nazionale del Paesaggio, un importante riconoscimento che il Ministero attribuisce agli attuatori di buone pratiche per la qualità del paesaggio e della vita delle comunità locali, capaci di testimoniare le potenzialità del Patrimonio culturale del nostro Paese attraverso la creazione di economie sostenibili e la diffusione e la divulgazione di valori etici e culturali, in coordinamento con le procedure previste per il Premio del Paesaggio del Consiglio d’Europa, giunto quest’anno alla sua VII edizione.

La nostra Associazione per la salvaguardia dell’ambiente e delle tradizioni (in applicazione dell'art. 4 dello statuto) ha istituito e reso operative:

  • dall’anno 2012 formazione delle guide ai monumenti e al paesaggio;
  • dall’anno 2015 laboratori del saper fare “ a cielo aperto” sull’artigianato e di educazione ambientale;
  • anno 2020 l’istituzione del Comitato dell’Osservatorio del Paesaggio Culturale.
Contattaci
Invia un richiesta informazione via email: ti risponderemo appena possibile!
Clicca il cerchio per attivare il modulo